In Equilibrio: il dono della responsabilità

due persone in posizione yoga trikonasana

 

“Anche a te si addice l’agire, avendo di mira solo l’integrità dell’universo. Se i migliori si comportano in tal modo, gli altri fanno lo stesso”
– Krishna ad Arjuna in Bhagavadgītā, III, 20-21 –

 

Nella vita di ogni giorno ci capita di entrare in contatto con tante persone, di entrare in connessione con loro: ma quanto la nostra energia tocca la loro? Quanto può modificare quella degli altri e viceversa? E quanto le nostre azioni e le nostre scelte incidono sul benessere di chi ci circonda?

Sicuramente tantissimo. E ci basterà osservare con sguardo sincero il nostro quotidiano, anche solo per un attimo, per rendercene conto.

Ogni volta che ci avviciniamo a qualcun altro, che scegliamo come interagire, parlare o approcciarci; ogni volta che prendiamo una decisione e compiamo azioni, semplicemente vivendo, interveniamo sul mondo e sulla vita di chi ci sta attorno, inevitabilmente agiamo e con la nostra azione creiamo un impatto: entriamo nello spazio di qualcun altro e nella sua dimensione, entriamo in connessione con la sua energia, portiamo le nostre azioni e le nostre scelte a riverberarsi su di lui: lasciamo un’impronta.

Di tutto questo possiamo (e dobbiamo) sentirci responsabili, proprio nel senso etimologico del termine: chiamati cioè a “dare risposta”, ad assumere consapevolezza, per abbracciare con cuore aperto e mente sincera la straordinaria opportunità che questo comporta: portare benessere tutto attorno a noi.

 

In equilibrio, per creare un’armonia nuova

Praticando yoga impariamo ogni giorno a vivere questa opportunità come un valore aggiunto.

Pian piano impariamo infatti ad ascoltare sempre meglio e diventare coscienti dell’impatto che possiamo esercitare su noi stessi prima, su chi ci circonda poi, coltivando rispetto per noi stessi e per gli altri, nella consapevolezza di essere uniti in un Tutto universale.

Come triangoli che si avvicinano, in parte si intersecano e si modellano uno attraverso l’altro, anche noi possiamo quindi scegliere ogni giorno di donare la nostra energia, aprirci al cambiamento e all’incontro con gli altri, esercitando allo stesso modo la nostra capacità di accogliere e di donare, di occupare spazio e concedere spazio, di modificare e vedere modificarsi la nostra energia, nell’equilibrio della responsabilità per noi stessi e per coloro che si trovano accanto a noi.

Potremo così costruire un nuovo equilibrio ogni giorno, come note di un accordo: singole in sé ma risuonanti nel’insieme dell’armonia. In noi stessi, in chi ci sta accanto, nel respiro del Tutto attorno a noi.


Categories: Filosofia Yoga

Post Your Thoughts